lunedì 14 dicembre 2015

13 DICEMBRE 2015 MUORE MARIO DONDERO


Mario Dondero
Mario Dondero (Milano, 6 maggio 1928 – Fermo, 13 dicembre 2015) è stato un fotografo e fotoreporter italiano.
« Volevo fare il marinaio poi sono diventato fotografo.»
« Il colore distrae. Fotografare una guerra a colori mi pare immorale. »

Biografia
Di origini genovesi, è una delle più originali figure del fotogiornalismo contemporaneo.
Giovanissimo partigiano nella Val d'Ossola, si è accostato molto presto al giornalismo, prima scritto poi fotografico, iniziando a collaborare nei primi anni Cinquanta a "L'Avanti", "l'Unità", "Milano Sera", "Le Ore".
Legato al cosiddetto gruppo dei "Giamaicani" (i frequentatori del Bar Jamaica a Milano, di cui è presidente: Alfa Castaldi, Camilla Cederna, Luciano Bianciardi, Giulia Niccolai, Carlo Bavagnoli, Ugo Mulas, Uliano Lucas), nel 1955 si sposta a Parigi dove collabora con "L'Espresso", "L'Illustrazione Italiana", "Le Monde", "Le Nouvel Observateur", "Daily Herald". Frequenta e ritrae scrittori e intellettuali francesi (Roland Topor, Claude Mauriac, Daniel Pennac, Yashar Kemal).
Tra le sue foto più celebri, quella del gruppo degli scrittori del Nouveau roman scattata a Parigi nell'ottobre del 1959 davanti alla sede delle Editions de Minuit (Nathalie Sarraute, Samuel Beckett, Alain Robbe-Grillet, Claude Mauriac, Claude Simon, Jérôme Lindon, Robert Pinget, Claude Ollier).
Il suo interesse per l'Africa si è manifestato attraverso la collaborazione alle riviste Jeune Afrique, Afrique-Asie, Demain l'Afrique. In Francia, a metà degli anni Cinquanta, ha collaborato a Regards (la leggendaria rivista comunista che pubblicò fra le prime le fotografie di Robert Capa e Gerda Taro sulla guerra di Spagna). Ha poi lavorato da Parigi per Il Giorno nel periodo della Guerra d'Algeria.
In Italia ha collaborato a lungo con Vie nuove, Tempo illustrato, L'Europeo, L'Espresso, Epoca sia all'epoca in cui la rivista era diretta da Enzo Biagi sia in quello più recente in cui fu diretta da Carlo Rognoni. Dalla loro nascita ha iniziato a pubblicare sul quotidiano il manifesto e sul settimanale Diario di Enrico Deaglio.
Negli anni Sessanta ha realizzato alcune "fotostorie" per La Tv dei ragazzi (Rai) e alcuni corti per l'Antenna cinematografica del PCI Unitelefilm. Appassionato di radiofonia ha collaborato con la sezione italiana della Bbc e recentemente ha condotto con Emanuele Giordana alcune trasmissioni di per Radio3 (Rai) dedicate alla storia del fotogiornalismo (2012-2013).
Ha esposto le sue fotografie in moltissime occasioni e in tantissime città italiane e straniere. Noto per il suo impegno civile e sociale, ha documentato in Afghanistan il lavoro delle équipe mediche di Emergency, di cui è un attivo sostenitore. Ha realizzato un inserto fotografico sul disastro della motonave Elisabetta Montanari per il libro Il costo della vita. Storia di una tragedia operaia di Angelo Ferracuti, pubblicato da Einaudi nel 2013 .
Era Camallo Onorario della Compagnia unica dei portuali genovesi e Socio Onorario dell'Accademia di Brera.
Negli ultimi anni di vita ha vissuto a Fermo.


Come andò che mi riuscì di fare la fotografia che è diventata in seguito la photo du Nouveau roman? Una fotografia che è stata pubblicata e ripubblicata infinite volte e che ha persino ispirato uno spettacolo teatrale, messo in scena al festival di Avignone e poi, più tardi, a Parigi? La mattina del 16 ottobre 1959 il cielo era grigio sopra la Rue Bernard Palissy, nel cuore di Saint-Germain-des-Prés. Un cielo, per un fotografo, da 1/250, 5/6. Erano le dieci e trenta circa e io stazionavo davanti alle Editions de Minuit, al numero 7 della strada, facendo passare i minuti che mi separavano dal mio appuntamento con l’editore Jérôme Lindon. Non lo sapevo ancora, ma quel 16 ottobre sarebbe stato una data fatidica per me e un poco anche per la storia della letteratura. Quel giorno avrei scattato la famosa foto del Nouveau roman . Mentre aspettavo, alcuni uomini a me sconosciuti entravano alla spicciolata nella casa editrice. Guardai per qualche minuto le vetrine in cui si allineavano i volumi più recenti di Minuit, testi di Alain Robbe-Grillet, Michel Butor, di Samuel Beckett. Guardavo con curiosità quell’edificio che aveva ospitato per anni, anche sotto l’occupazione tedesca di Parigi, una maison close , un bordello. Dopo la Liberazione, le Editions de Minuit, casa editrice nata durante la Resistenza, si installò in quei locali. Minuit debuttò nella vita letteraria con un grande libro, Le silence de la mer ( Il silenzio del mare ) di Vercors.
Nel frattempo era giunta l’ora del mio appuntamento. Entrai e salii la stretta scala che conduceva all’ufficio dell’editore. Jérôme Lindon e sua figlia Irène, che imparava il mestiere di editore, officiavano all’ultimo piano. Quando vi giunsi, erano già arrivati alcuni degli scrittori che l’editore aveva convocato per una foto che li riunisse tutti. Il mio compito era quello di realizzare una foto degli scrittori che si dedicavano alla letteratura con un approccio completamente nuovo e distaccato dalla tradizione precedente. Nella loro scrittura il personaggio perdeva l’importanza tradizionale e i testi erano concentrati sulle caratteristiche della realtà, private dalla soggettività umana. Lo sguardo fotografico era quello privilegiato. Si è parlato anche di Ecole du regard per definire l’atteggiamento di quegli autori nei confronti del reale. In un noto articolo del 5 maggio 1957, apparso su «Le Monde», il termine era stato coniato da Emile Henriot.
Le Editions de Minuit annoveravano gran parte di quegli scrittori, tra i quali Alain Robbe-Grillet, Claude Simon, Nathalie Sarraute, Claude Mauriac, Robert Pinget, Claude Ollier, Michel Butor. La mia idea di quella fotografia, che avevo proposto a Lindon, aveva molto sedotto l’editore che con il suo prestigio non aveva avuto difficoltà a radunare la piccola assemblea. Il mio reportage doveva essere pubblicato, come infatti avvenne, da «L’llustrazione Italiana», allora diretta da Pietrino Bianchi, con un vivace redattore capo, Gaetano Tumiati. L’articolo che accompagnava le fotografie venne poi scritto da Giancarlo Marmori, con il quale avevamo selezionato gli scrittori da includere nel servizio. Claude Mauriac ha raccontato nel suo diario, Le temps immobile , come si svolse, quella mattina, la piccola cerimonia della foto di un gruppo eterogeneo di scrittori che neppure si conoscevano tra di loro.
Venni accolto molto cordialmente e presentato, per così dire, da Robbe-Grillet, che avevo conosciuto in precedenza, con una reale empatia. Per ragioni di spazio e di luce scendemmo in strada. Nel frattempo era arrivato anche Samuel Beckett e il gruppo era quasi al completo. Avremmo voluto includere Marguerite Duras, che invece non volle venire, forse perché stava passando a un altro editore oppure perché temeva l’occhio fotografico, lei che era stata bellissima. Mancavano ancora all’appello Michel Butor e Jean Cayrol, l’autore dello straordinario commento al film di Alain Resnais Notte e nebbia su Auschwitz. Non figurarono nella fotografia, ma li ripresi quando poi arrivarono, con altri scatti. Non ricordo di essere stato particolarmente emozionato, anche perché l’atmosfera era molto cordiale e lo stesso Beckett, che passava per essere terribilmente foto-fobico, fu invece molto amabile. Tuttavia mi incombeva la responsabilità di prendere la direzione delle operazioni e di comporre il gruppo. Scelsi di non comporre l’immagine. L’unica cosa che feci fu di chiedere ai presenti di non guardare il fotografo e di non mettersi in posa, ma di essere come un gruppo di persone colte casualmente, come fossero in attesa di qualcosa o di qualcuno. In effetti si aspettava l’arrivo degli ultimi due scrittori e, nella fotografia, si vede appunto Jérôme Lindon che guarda altrove: stava guardando se arrivasse in taxi Michel Butor. Su quella fotografia, in seguito, si sono scritti molti articoli, in particolare su «Le Nouvel Observateur», che, in un articolo memorabile, «vivisezionò» la foto e i suoi protagonisti, tra i quali due, Beckett e Simon, ebbero successivamente il premio Nobel. Claude Mauriac ha raccontato nei dettagli come andò la cosa. Scrive che «il giovane Mario Dondero scattò con allégresse et hâte (in fretta e allegramente) una ventina di fotografie». Quella foto è diventata così famosa grazie a Jérôme Lindon, al quale io diedi le fotografie, dopo averle pubblicate su «L’Illustrazione Italiana». Furono le Editions de Minuit a diffondere la fotografia, che poi è finita nei libri di scuola, alla televisione, ripetutamente pubblicata. La casa editrice rispettò anche i miei diritti sotto il profilo commerciale, nella suddivisione dei benefici che furono cospicui. Questa foto mi ha creato in Francia una speciale notorietà come fotografo letterario, cosa che in effetti non ho mai voluto essere, essendo sempre stato un fotografo onnivoro, curioso di tutte le realtà.
Mario Dondero

Laura Betti
Orson Welles,Elsa De Giorgi e Pie Paolo Pasolini - 1963
Alberto Moravia,Pier Paolo Pasolini e Laura Betti
Maria Callas e Walter Chiari - 1955
Maestre in bicicletta - Irlanda 1968
Stefania Sandrelli
Pier Paolo Pasolini - Comizi D'Amore
Vittorio Gassman - 1963
Il cameriere Spagnolo - 1978
Giorgio De Chirico
Maoisti - 1962
Clochard s Parigi
Francis Bacon - 1961
Barricata a Parigi - 1968
Mimmo Rotella a Roma - 1959
La Sorbona occupata - Parigi 1968
Claudia Cardinale
Roland Topor - 1968
Il Bar Jamaica a Milano

------
13 DICEMBRE 2015 MUORE MARIO DONDERO

------

1966 : I MILANESI VISTI DA LUCIANO BIANCIARDI
http://helaberarda.blogspot.it/2015/11/1966-i-milanesi-visti-da-luciano.html
MARIA TERESA "MUTTI" MAGLIONE : TESTIMONIANZE Di Luigi Cozzi e Fernando F.
ALBERTO GRIFI VIDEOTEPPISTA DELLA NOSTRA STORIA Di Roberta Ronconi
http://helaberarda.blogspot.it/2012/05/alberto-grifi-videoteppista-della.html
EVA & EVA  Fotografie di Danilo Jans
ANNI DI PIOMBO : CALENDARIO DI UN ASSEDIO / ASSASSINI,BOMBE,MORTI E VITTIME ANNO PER ANNO - ITALIA 1969/2003 1a PARTE
PORFIRIO RUBIROSA L'ULTIMO PLAYBOY
1946  : GLI OCCHI DI RINA FORT
ANNI 50 : SPECIALE CAPRI L'ISOLA DEL SOLE Interventi di CAMILLA CEDERNA e ALBERTO MORAVIA
NAPOLI 1943-1950 : LA GRANDE SALUTE 
ITALIA 1960-1983 : TUTTI AL MARE Di Gianni Berengo Gardin,Franco Pinna,Giovanni Liguori,Uliano Lucas,Maurizio Bizziccari,Mario Taito
LA NAPOLI DI BELLAVISTA Di Luciano De Crescenzo
BOCCACCIO 70 : FELLINI,VISCONTI,MONICELLI,DE SICA ESPERIMENTO A QUATTRO CIAK
8 1/2 Di Paul Ronald
PIERLUIGI PRATURLON DETTO PIERLUIGI : DALLA DOLCE VITA IN SU Di Diego Mormorio
VENEZIA,LA MOSTRA E IL CINEMA MONDIALE
MICHEL PETRUCCIANI - RIELABORAZIONE E RIPROPOSTA ARTIGIANALE DELLE FOTO TRATTE DAI NEGATIVI ORIGINALI INERENTI AL LEGGENDARIO CONCERTO AL TEATRO DI IVREA ITALY DEL 1993 FOTOGRAFIE DI DANILO JANS
THE TEDS Di CHRIS STEELE-PERKINS & RICHARD SMITH
TRIBUTO A UN SACCO BELLO Di CARLO VERDONE - PRIMA PARTE
1958 AICHE' NANA' : LO SPOGLIARELLO AL RUGANTINO CHE CAMBIO' L'ITALIA Di Tazio Secchiaroli e Enrico Sarsini  
http://mondopopolare.blogspot.it/2013/06/1958-aiche-nana-lo-spogliarello-al.html
PIER PAOLO PASOLINI PROFESSORE DI GINNASIO Di Nico Naldini e Danilo De Marco  
http://mondopopolare.blogspot.it/2013/06/pier-paolo-pasolini-professore-di.html
1943 : IL NUDO DI ANNA MAGNANI Di Federico Patellani 
http://helaberarda.blogspot.it/2012/11/1943-il-nudo-di-anna-magnani-di.html
INCONTRI RAVVICINATI IN ITALIA / STORIE DI QUOTIDIANA ALIENITA' Di Sveva Stallone e Riccardo Mazzoni
ITALIA TV : TELECRONISTE,PRESENTATRICI,ANNUNCIATRICI,MEZZE BUSTO,SPEAKER,GIORNALISTE,TUTTOLOGHE,ECC.
BELFAGOR IL FANTASMA DEL LOUVRE Di Giuseppe Cozzolino e Carmine Treanni

Nessun commento:

Posta un commento