martedì 14 marzo 2017

1980 : LA CITTA' DELLE DONNE Di FEDERICO FELLINI


La città delle donne è un film del 1980 diretto da Federico Fellini.
All'epoca della sua realizzazione, l'opera suscitò grandi polemiche sulla stampa e forti critiche da parte dei movimenti femministi.
Fu presentato fuori concorso al 33º Festival di Cannes]

Trama
Marcello Snaporaz è un uomo maturo ed incauto il quale, durante un tragitto in treno, ha un fugace flirt con una misteriosa signora, che decide di seguire, scendendo alla fermata di un'irreale stazione in mezzo alla campagna.
Seguendo la sconosciuta, Snaporaz si ritrova in un albergo, nel bel mezzo di un tumultuoso congresso di femministe che parlano per slogan e formule preconfezionate, procedono su temi frusti e rivendicazioni scontate che, tuttavia, il protagonista non riesce a comprendere.
L'atteggiamento ostile delle astanti, consiglia Snaporaz ad una fuga precipitosa che lo porta nel castello di Katzone, un maturo santone dell'eros che sopravvive nell'adorazione di una femminilità ormai desueta, custodendo gelosamente e metodicamente un'ordinata collezione di testimonianza delle sue conquiste, una sorta di pinacoteca multimediale dove è possibile ascoltare le voci delle donne ritratte nei momenti di intimità, nella vana attesa di un ritorno agli antichi splendori.
In un'aula di tribunale, uno Snaporaz ancora inconscio della propria colpa viene condannato dalle femministe che lo portano in un'arena, dove l'uomo assistere al suo pubblico linciaggio. Si risveglia sul treno, davanti alla moglie Elena: tutto farebbe pensare ad un brutto sogno, ma Marcello nota che i suoi occhiali sono rotti, proprio come nei suoi sogni.

La critica
Giorgio Carbone ne La Notte, del 29 marzo 1980: "Arrivato sulla soglia della terza età, Fellini come regista è (per sua fortuna e nostra) entrato in quella splendida maturità in cui un mostro sacro riesce a profondere i suoi tesori di bravura per il solo piacere di farlo. Ti lasci portare dalla cavalcata delle invenzioni, e riesci ancora a stupirti (come un ragazzino che ha scoperto da poco il cinema), a ogni sequenza, a ogni inquadratura. Se nella Città delle donne latita la suspense per la storia, o per gli ingredienti (non te ne importa niente di come andranno a finire Snàporaz o Katzone...)"
La realizzazione dei manifesti orizzontali, per le affissioni murali, fu affidata al disegnatore Andrea Pazienza.
Il nome del protagonista, Snaporaz, è citato da Jovanotti nella canzone In orbita, quinta traccia dell'album Safari (2008). Snaporaz è inoltre il nome di un gruppo musicale livornese attivo dal 1995.

Curiosità
L'esclamazione "Vecchio Snaporaz!" che il protagonista ripete più volte durante il corso del film è presente anche in un'altra pellicola di Fellini, 8½ (pronunciata dallo stesso Mastroianni mentre si trova di fronte a uno specchio), come anche i versi "Sgnic, sgnac", che accompagnano i movimenti del personaggio.
Nella scena girata sulle autovetture (due dune buggy con motore Volkswagen Maggiolino ed una Citroen 2CV) viene suonata dall'autoradio una canzone non accreditata ufficialmente nel film, intitolata The Visitors di Gino Soccio, brano disco del 1979. Sulla scena viene curiosamente nominata da una delle ragazze come se fosse intitolata Red One ("quanto dura Red One?").
Un omaggio al personaggio felliniano si trova nel fumetto viaggio a tulum di Milo Manara, in cui uno dei personaggi è caratterizzato dalle sembianze di Marcello Mastroianni e si chiama Snaporaz
Per la realizzazione delle scene riguardanti il congresso femminista, Fellini si avvalse dell'ausilio della scrittrice Ippolita Avalli la quale fece confluire sul set numerose femministe, all'epoca impegnate nell'occupazione della "Casa della Donna" (a via del Governo Vecchio, 39 - Roma), che crearono panico e confusione sul set, contestando lo stesso regista.
Le riprese del film iniziarono il 3 maggio 1979 e terminarono il 28 novembre del 1979; il film uscì nelle sale il 28 marzo 1980.
La lavorazione del film venne improvvisamente stravolta a causa della morte dell'attore Ettore Manni, avvenuta il 27 luglio 1979.


---------------------------------------------------------------------------------

1980 : LA CITTA' DELLE DONNE Di FEDERICO FELLINI

-------------------------------------------------------------------------------

SATYRICON 1969 : IL MONDO DI MARY ELLEN MARK INCONTRA QUELLO DI FEDERICO FELLINI
 DONATELLA DAMIANI e FEDERICO FELLINI featuring ROSARIA TAFURI e MARCELLO MASTROIANNI
SPECIALE FEDERICO FELLINI : LE FASI DELLA LUNA Di Mimmo Cattarinich,Enrica Scalfari e Luigi Arioli
FEDERICO FELLINI :"E' VERO SONO UN MAGO" Di Renzo Allegri
http://helaberarda.blogspot.it/2012/10/federico-fellini-e-vero-sono-un-mago-di.html
QUEI DUE : FEDERICO FELLINI E MARCELLO MASTROIANNI Di Domenico Paolella e Tazio Secchiaroli
http://helaberarda.blogspot.it/2012/11/fe.html
APPUNTI PER LA DOLCE VITA Di Ennio Flaiano / 1
http://helaberarda.blogspot.it/2012/10/appunti-per-la-dolce-vita-di-ennio.html
1958 AICHE' NANA' : LO SPOGLIARELLO AL RUGANTINO CHE CAMBIO' L'ITALIA Di Tazio Secchiaroli e Enrico Sarsini
http://helaberarda.blogspot.it/2012/12/an.html
MAURIZIO ARCIERI : NON DIMENTICHERO' MAI QUELLE ORE CON FELLINI
http://helaberarda.blogspot.it/2012/08/maurizio-arcieri-non-dimentichero-mai.html
LE MUSE DI FEDERICO FELLINI
BOCCACCIO 70 : FELLINI,VISCONTI,MONICELLI,DE SICA ESPERIMENTO A QUATTRO CIAK
AMARCORD & PINK FLAMINGOS : UNA CONVERSAZIONE FRA ANDY WARHOL E FEDERICO FELLINI Di Enzo Ungari
http://helaberarda.blogspot.it/2014/05/amarcord-pink-flamingos-una.html
1976 : CHESTY MORGAN NEL CASANOVA DI FEDERICO FELLINI
8 1/2 Di Paul Ronald
ENNIO FLAIANO : NEL NOME DELLA FIGLIA Di Antonio D'Orrico
DOLCE VITA ,VIA VENETO E ROMA
1959 : VICKY LUDOVISI Ne L'AUDACE COLPO DEI SOLITI IGNOTI

------------------------------------------------------------------------------


Nessun commento:

Posta un commento